Cava dei Molini


“Cava dei Molini”, in territorio di Melilli, è una tipica valle fluviale dei Monti Iblei incassata nell’altopiano del calcare della formazione dei Monti Climiti attribuibile stratigraficamente all’Oligocene-Miocene medio (37-12 milioni di anni fa).
Si tratta di un’area caratterizzata dalla presenza di numerose grotte di origine carsica: Grotta del Nerofumo, grotta della Parete, grotta Taddarita, Grotta Andrea, Grotta della Frana, Grotta del Cappero, Grotta del Caprificio, Grotta della Nicchia, Grotta dei Gradoni, Grotta dello Scivolo, il Finistrone, etc.
La vegetazione è tipicamente mediterranea e dove, più a valle, l’alveo non ha più portata d’acqua e diventa più ampio vi sono numerose aree destinate a coltivazioni di agrumi.
Lungo le sponde dell’alveo sia in destra che sinistra fluviale è possibile incontrare i resti degli antichi mulini ad acqua comunali che danno il nome alla valle.
Il corso d’acqua ad un certo punto è sbarrato da una diga che lascia scorrere solo poca acqua a valle.
L’ambiente è suggestivo per il paesaggio e per le alte pareti che ornano l’alveo del corso d’acqua che forma spesso dei profondi laghetti. Al fine di realizzare un progetto di valorizzazione dell’area sono state eseguite delle osservazioni per definire la possibilità di inserire “Cava dei Molini” tra i siti dell’itinerario naturalistico già utilizzato dal Laboratorio Naturalistico Ambientale di Melilli.